Feed su
Contributi
Commenti

Zuppa Ribollita

cucinio: rumore di coltello sul tagliere: sedano e carota rumore scattante, cipolla e porro stridono, la patata rumore acquoso, le verdure scrocchiano. E poi la pentola che bolle con ritmo lento, rumore cupo, sordo, invernale.

Continua a leggere »

cucinio: Pochi suoni, il frullatore fastidioso ma dura poco e il suono più piacevole della pasta lievita mentre la impasto con le mani, un ciac ciac che mi ricorda il mare calmo quando si appoggia sulla riva… torna via e scciiiaacqua.

Ricordi frammentari come un album di foto: la casa dei nonni, Pasqua e la visita dei parenti di Civitavecchia: nonno Rinaldo alla finestra, qualcuno gli si avvicina e sbircia in strada e …”eccoli, sono arrivati! Ma sono tutti, chi c’è?” arrivo saluti tanta gente, chiacchiericcio di fondo, e Pizze di Civitavecchia tradizione pasquale. Quella Pizza non mi piaceva: il profumo dell’anice mi dava fastidio, quel colore marroncino della pasta non mi invogliava a mangiarla. Però tutti apprezzavano e assaggiavano cercando di giudicare se era meglio dell’anno precedente, se era ben cotta, ben lievita, più buona col salame o da sola?

Continua a leggere »

Pappa col Pomodoro

pappa col pomodorocucinio: rumore di coltello che taglia il pane raffermo, un rumore ovattato sembra venire da lontano.  E’ diverso dal rumore che fa il pane fresco, manca il tipico crrrcra della crosta appena sfornata.

Continua a leggere »

cucinio: ricetta ricca di suoni, toc toc del coltello che taglia le patate, sfrigolio leggero e continuo mentre le patate cuociono in padella, e a contrasto il suono frizzante dei petti che rosolano a fuoco vivace. Il suono breve ma particolare del vino che scende nel bicchiere e diventa più grave man mano che il bicchiere si riempie.

Continua a leggere »

cucinio: suono di maracas mentre le nocciole cadono nel frullatore.

Stuzzichini semplici e veloci da realizzare queste schegge aromatizzate al curry. Si possono offrire con l’aperitivo anche abbinate ad un formaggio spalmabile o ad una crema di ricotta.
Continua a leggere »

cucinio: rumori metallici: il sibilo piuttosto fastidioso della scatoletta di sgombro che si apre; e ancora il rumore metallico del passa pomodoro.

Una salsa classica con la variante agrodolce di Domenico che la vivacizza.
Continua a leggere »

Crostata ai Fichi

cucinio: piccoli colpi sul legno esterno del setaccio: un suono secco che ricorda il tamburello, poi un leggero fruscio, mentre la farina si sposta e cade. Ritmo di taranta!

Forse ce l’ho fatta! Ho trovato le dosi per la torta di fichi che abbiamo assaggiato a Ischia. Cena di inizio estate alla Sirena del Mare, spiaggia di Citara. C’è tutto: il mare, il primo caldo estivo, paccheri e carezze, i moscardini, la simpatia dei proprietari e alla fine la crostata di fichi che arriva calda calda per una fantastica conclusione dolce. La ricetta, ovviamente è segreta!!
Ho provato ad imitarla varie volte e stavolta mi sembra somigliare assai.
Ai fortunati che conoscono l’originale: fatemi sapere!
Continua a leggere »

Fichi Zuccherini

cucinio:

Poco tempo e pazienza per intrappolare il sapore più dolce dell’estate. Continua a leggere »

Crema di fegato

cucinio: scorre il limone sulla grattugia,  libera un aroma acre e un suono un po’ metallico che ricorda un ritmo jazz.
 
Sapore di casa! Questo “patè”, come lo chiamiamo in famiglia, è sempre presente a casa di mamma: lo offre come antipasto, intermezzo, secondo: è un jolly insomma. La ricetta è quella che faceva la nonna, con pochi ingredienti e semplice da fare. Continua a leggere »

Piccadilly alla Rosaria

cucinio: il brontolio della moka, sale il caffè! No, non è il suono associato a questa ricetta: facendo i pomodorini si fanno pochi rumori a parte l’esplosione del frullatore. Il rumore del caffè lo associo agli anni di studio con Rosaria: fare il caffè era una buona scusa per la pausa, poi si studiava meglio!

Con Rosaria e Romano in una piacevole serata di metà marzo: visita ai Musei Capitolini e cena in un tipico ristorante del ghetto di Roma. Gustiamo piatti di cucina romana e, come spesso succede a tavola, parliamo di mangiare: “ti ricordi la minestra d’orzo che cucinava tua mamma e i vincisgrassi, e le lumachine di mare di Numana…”. Dopo i ricordi, le ricette attuali: Rosaria mi racconta come fa i piccadilly ripieni, che sono molto sfiziosi e abbastanza rapidi da fare. Beh fa venire voglia di provarli, poi li ha anche fotografati, ed eccoli pubblicati! Continua a leggere »

« Articoli successivi - Articoli precedenti »