Feed su
Contributi
Commenti

Torta Mimosa

30 gennaio 2012 da sisco

cucinio: molto rumore di frullino, tuorli, albumi, panna…va tutto montato per questa torta!
e poi suono di pioggia? No più allegro, suono di “maracas” sudamericane: si baila!! È il suono delle gocce di cioccolato che si muovono nella scatola, poi si tuffano nella crema e… silenzio!

Un dolce tradizionale sempre molto gradito. Come base preferisco utilizzare una torta simile alla torta margherita, aggiungendo anche poco lievito, la trovo più soffice del pan di spagna che solitamente si utilizza per la mimosa. La preparazione è lunga e richiede pazienza, ma quando poi si arriva a montare la torta la soddisfazione è assicurata.

  • Tempo: 3 ore (più tempo di raffreddamento)
  • Difficoltà: elevata
  • Occasione: festiva
  • Persone: per 15 persone (torta da 25 cm diametro)
  • Stagione: tutte

Ingredienti
base:
150 g farina “00″ fine per dolci
80 g maizena
½ bustina lievito
250 g zucchero
10 uova
75 g burro
per bagnare la torta:
mezzo bicchiere di acqua
1 cucchiaio di zucchero
il succo di mezzo limone

per la farcitura:
crema:

3 uova
75 g zucchero
60 g farina
500 ml latte
buccia di limone
burro (una noce)

500 g panna montata senza zucchero
gocce di cioccolato fondente q.b.

Preparazione
base:
Accendere il forno a 180° (elettrico ventilato). Imburrare e infarinare una teglia da 30 cm di diametro, mettere un foglio di carta da forno sul fondo.
Far liquefare il burro.
Mescolare in una ciotola le farine e il lievito eliminando eventuali grumi. Separare albumi e tuorli, montare gli albumi a neve ben ferma. Mettere in una ciotola i tuorli e lo zucchero e montarli con il frullino, poi scaldarli a bagnomaria o nel forno a microonde (a potenza bassa) con molta attenzione perché non si cuociano. Quando sono tiepidi montarli di nuovo e ripetere l’operazione “scalda, monta” un paio di volte finché lo zucchero si squaglia e i tuorli appaiono ben gonfi e molto chiari, quasi bianchi. A questo punto aggiungere il burro sciolto facendolo colare a filo sulle uova mescolando con un cucchiaio di legno. Incorporare il misto di farine, un cucchiaio alla volta, sempre mescolando. Quando tutto è ben amalgamato aggiungere le chiare montate a neve e mescolare dal basso verso l’alto con delicatezza per non smontare le chiare. Versare l’impasto nella teglia e infornare per almeno 45 minuti. Trascorso questo tempo aprire il forno e controllare la cottura con uno spiedino di metallo: si introduce nella torta, se estraendolo risulta umido continuare la cottura altrimenti estrarre la torta dal forno e lasciarla raffreddare.
Quando la torta è fredda tagliare una corona circolare a circa 2-3 cm dal bordo, ottenendo una torta di circa 27 cm di diametro. Spaccare la torta a metà ottenendo due cerchi. Da un cerchio tagliare di nuovo una corona circolare di circa 2 cm, stavolta tenere solo la corona appoggiarla sul cerchio intero ottenendo un contenitore per la crema (come un grosso vol-au-vent).
Scaldare acqua e zucchero e succo di limone (circa metà limone) e bagnare la base della torta non troppo, non deve diventare troppo molle.

ripieno:
Preparare la crema pasticcera come da ricetta.

Mescolare crema pasticcera e panna lasciando 2-3 cucchiai di panna che serviranno per guarnire la torta lateralmente.  Aggiungere al ripieno anche le gocce di cioccolato, la quantità a seconda del gusto, e versare il ripieno nel contenitore. Livellare il ripieno; ricoprire il bordo della torta con la panna lasciata da parte lisciandola con un coltello.
Tagliare a quadrati di circa 1 cm i pezzi di torta rimasti e spargere i quadratini sopra la torta attaccandoli anche lateralmente sulla panna. Quando la torta è interamente ricoperta di quadratini metterla in frigo ben coperta perché non prenda odori da altre pietanze.
Tenerla in frigo per almeno 12 ore prima di servirla.

Presentazione
Estrarre la torta dal frigo almeno un’ora prima di servirla. Cospargerla di zucchero a velo.
Si può guarnire anche con gocce di cioccolato insieme ai quadratini di torta o con violette di zucchero.

Lascia una risposta