Feed su
Contributi
Commenti

Frittelle 4G

14 agosto 2018 da

cucinio: crepitio di frittura e zac zac rumore di forbici che tagliano i fiori.

Frittelle4G perché in famiglia siamo arrivati alla quarta generazione che frigge frittelle con questa ricetta. Il ricordo va a mia nonna Felice, tutti le dicevano ”ma forse ti chiami Felicetta, Felice è un nome da uomo…” ma lei si chiamava proprio Felice: un bel nome! Ed era felice quando mangiavamo le sue frittelle.

 


  • Tempo: 30 minuti + tempo di frittura
  • Difficoltà: bassa
  • Occasione: tutte
  • Quantità: 50 frittelle
  • Stagione: estate

Ingredienti

    • 150 g fiori di zucca
    • 350 g farina grano tenero tipo “0”
    • 400-450 ml acqua (si può utilizzare acqua minerale gassata)
    • 1 cucchiaino raso da tè lievito in polvere per preparazioni salate (opzionale)
    • 5 g sale (1 cucchiaino da tè)
    • 30 g olio (2 cucchiai)
    • 500 ml olio arachide (per friggere)

Preparazione

Pulire i fiori dizucca togliendo il gambo e il pistillo, aprire i fiori e lavarli sotto acqua corrente e metterli in una scola. Tagliare i fiori in pezzi e lasciarli da parte.

Preparare una pastella mescolando farina, sale e lievito con una forchetta, aggiungere l’acqua poco per volta e con la forchetta schiacciare per eliminare i grumi. Continuare a mescolare finché si ottiene una pastella cremosa priva di grumi quindi aggiungere l’olio e i fiori a pezzi e mescolare finché tutto è ben amalgamato.

Si può eliminare il lievito dall’impasto: con il lievito risultano più gonfie e morbide, senza sono più compatte.

Mettere l’olio in una padella a bordi alti (la dose di olio è per una padella da 15 cm di diametro, a bordi alti 7 cm). Qualunque sia la dimensione della padella l’importante è che le frittelle siano fritte in immersione. Mettere la padella su un fornello e far scaldare l’olio. Quando l’olio è ben caldo si prende un cucchiaio di pastella e si versa nell’olio. Si versano 5 o 6 cucchiai uno vicino all’altro. Dopo 2 o 3 minuti le frittelle sono abbastanza indurite da una parte e si girano, eventualmente staccandole una dall’altra dato che tendono ad attaccarsi. Solitamente 5 minuti di frittura sono sufficienti, comunque l’assaggio è sempre un buon metodo: la frittella non deve risultare troppo morbida e bagnata all’interno, deve essere croccante.

Quando sono cotte si prendono con una pinza di acciaio e si mettono su apposito scolafritto o su carta assorbente.

Presentazione

Si possono proporre in versione dolce spolverizzate di zuccchero o salata, ma sono gustose anche senza aggiunte.

 

 

Lascia una risposta